Stasera ad alessandria

Per il brindisi di mezzanotte a salutare idealmente la Liberazione ci si affida agli Almamegretta, che il 24 aprile sera chiuderanno da guest stars la Festa d’aprile, l’evento che ormai da quattro anni segna la ricorrenza della Festa della Liberazione ad Alessandria.

Cambio di location: ad ospitare la musica della Liberazione sarà il chiostro di Santa Maria di Castello, dopo un corteo da Piazzetta della Lega (ore 20,45) con la Bandarotta Fraudolenta ed un “warm up” del gruppo etno Kaduu Africa.

Siamo una zavorra!

montgolfier.jpgSiamo dunque, economicamente e finanziariamente, in libertà vigilata, ma non per vocazione persecutoria delle autorità europee nei nostri confronti bensì per il semplice fatto che il debito pubblico italiano, essendo espresso in euro, costituisce parte integrante del debito pubblico dell’Unione europea, ne rappresenta addirittura il 25 per cento del totale, influenza con la sua enormità tutte le grandezze finanziarie dell’Unione, influisce inevitabilmente sulla politica della liquidità, del cambio e dei tassi d’interesse.

Ma è una legge?

Il suo nome è Gino Capotosti, e passerà alla storia come il parlamentare eletto, ma meno votato, della storia repubblicana. Trentenne umbro, praticante avvocato, onorevole da pochi giorni, il deputato vanta infatti un record assoluto: varcherà una delle Camere legislative con appena 3.366 suffragi, rastrellati grazie alla lista dell’Udeur in Umbria.

Con questo esiguo pacchetto di voti, Capotosti lascia così il suo posto da consigliere comunale a Narni e approda al più prestigioso palazzo di Montecitorio. Il “miracolo” – non esitano a definirlo così gli sbigottiti politici umbri del centrosinistra – è conseguenza diretta degli arzigogolati meccanismi della legge elettorale…

Yahoo! svela il nome di un altro blogger cinese?

Il gigante Yahoo di internet avrebbe nuovamente aiutato la polizia cinese ad arrestare un dissidente. Secondo ‘Reporter Sans Frontieres‘ (RSF), il popolare motore di ricerca avrebbe fornito nel 2003 elementi utili per far condannare a quattro anni di prigione lo scrittore Jian Lijun con l’accusa di essere un sovversivo.
Mentre e’ in corso la visita del presidente cinese Hu Jintao negli Stati Uniti, ‘RSF’ denuncia che la ‘Yahoo! Holdings’ di Hong Kong, il partner locale della societa’ americana, avrebbe rivelato che dietro ad una mail anonima si celava Lijun.
Se confermato, si tratterebbe del terzo caso di ‘complicita” di Yahoo con l’attivita’ di repressione delle autorita’ di Pechino. Nei due casi precedenti Yahoo forni’ le ‘tracce elettroniche’ delle mai di due oppositori: Shi Tao, condannato a 10 anni di carcere con l’accusa di aver trafugato all’estero segreti di Stato, e Li Zhi, ad otto anni per sovversione.

Aspetto di vedere se ci sarà una smentita, sta di fatto che avevo detto tempo fa di non condividere l’idea di boicottare Yahoo! Pensavo ci potessero essere  altre strade. Ma non mi pare che la “moral suasion” stia avendo grandi effetti.
Inoltre come ho già scritto, trovo che la partecipazione attiva di Yahoo a “stanare” i dissidenti sia molto più grave del comportamento, comunque riprovevole, di altre aziende.
Il blog ha in mente cambiamenti e mi sa che comprenderanno un cambio di indirizzo email.
8(