La guerra delle parole

Il “colono” rapito ieri è oggi il “diciottenne colono” ucciso, secondo i giornali e i telegiornali italiani che ho sentito.

Per Haaretz era, più semplicemente, un ragazzo, “teen”.