Yahoo! svela il nome di un altro blogger cinese?

Il gigante Yahoo di internet avrebbe nuovamente aiutato la polizia cinese ad arrestare un dissidente. Secondo ‘Reporter Sans Frontieres‘ (RSF), il popolare motore di ricerca avrebbe fornito nel 2003 elementi utili per far condannare a quattro anni di prigione lo scrittore Jian Lijun con l’accusa di essere un sovversivo.
Mentre e’ in corso la visita del presidente cinese Hu Jintao negli Stati Uniti, ‘RSF’ denuncia che la ‘Yahoo! Holdings’ di Hong Kong, il partner locale della societa’ americana, avrebbe rivelato che dietro ad una mail anonima si celava Lijun.
Se confermato, si tratterebbe del terzo caso di ‘complicita” di Yahoo con l’attivita’ di repressione delle autorita’ di Pechino. Nei due casi precedenti Yahoo forni’ le ‘tracce elettroniche’ delle mai di due oppositori: Shi Tao, condannato a 10 anni di carcere con l’accusa di aver trafugato all’estero segreti di Stato, e Li Zhi, ad otto anni per sovversione.

Aspetto di vedere se ci sarà una smentita, sta di fatto che avevo detto tempo fa di non condividere l’idea di boicottare Yahoo! Pensavo ci potessero essere  altre strade. Ma non mi pare che la “moral suasion” stia avendo grandi effetti.
Inoltre come ho già scritto, trovo che la partecipazione attiva di Yahoo a “stanare” i dissidenti sia molto più grave del comportamento, comunque riprovevole, di altre aziende.
Il blog ha in mente cambiamenti e mi sa che comprenderanno un cambio di indirizzo email.
8(