Lo sterminio e la propaganda

campagna elettorale berlusconi auschwitz

Aggiunge dolore al nostro dolore il fatto che l’appropriazione abusiva del nostro cognome e delle nostre sofferenze sia stata fatta a vantaggio di un governo dove siede un ex brigatista di Salò e di una coalizione che vede raccolti tutti gli epigoni del fascismo e del nazismo italiani

Andra Bucci, deportata ad Auschwitz.

La signora Bucci si è sentita offesa da una “citazione” comparsa nella brochure di Berlusconi e a lei attribuita. Di tale citazione, però, non è indicata l’origine e non corrisponde a dichiarazioni da lei rilasciate.
Aveva pensato ad una querela contro il presidente del consiglio, ma è stata scoraggiata da considerazioni economiche.
A 67 anni, spera in un intervento della Comunità Ebraica di Roma.

Da La Stampa, 6 Aprile 2006, p.4