Finalmente un’azione giudiziaria contro Yahoo?

shi tao journalist china censorship yahoo

It’s very clear from the judgment that Yahoo Hong Kong provided the details. They’re a Hong Kong company. Why do they have to comply with Chinese requests (for information)? This is the biggest question.

La sentenza in effetti è nota già da settembre (puoi vedere in particolare il ruolo di Yahoo a pagina 31), però è di questi giorni la notizia che la famiglia di Shi Tao sta pensando di promuovere un procedimento negli Stati Uniti o ad Hong Kong contro Yahoo.
Infatti, siccome dalla sentenza risulta chiaramente che l’informazione è partita dalla sede Yahoo di Hong Kong, e dunque da un territorio cinese parzialmente autonomo, non regge la difesa di Yahoo, che sostiene di avere semplicemente rispettato le leggi locali. Le leggi applicate, infatti non sarebbero vigenti ad Hong Kong.
Al contrario, secondo le leggi di Hong Kong, Yahoo ha commesso un illecito , in quanto ha violato la privacy di Shi Tao, così esponendolo ad una ingiusta detenzione.
Non a caso, l’appello di Amnesty è indirizzato ai dirigenti di Yahoo e non (ancora) al governo cinese.

Personalmente, in un primo tempo, avevo pensato che si potesse reagire con un atteggiamento di blanda persuasione, ma adesso comincio a pensare che Yahoo ha avuto abbastanza tempo per riflettere e non l’ha fatto fruttare: sto pensando, per quel poco che vale, di rinunciare all’account su Yahoo.

Via Hyle, via Boing Boing.

Un commento su “Finalmente un’azione giudiziaria contro Yahoo?”

I commenti sono chiusi.