Cease and desist: blogger, parodie e copyright

blogger parrodie parodia blog copyright diritti d\'autore autore fair use diritti omosessuali
A quanto pare, un blogger gay americano si è sentito offeso per una pubblicità, creata da un gruppo religioso, che prometteva di ritrovare l’eterosessualità attraverso Cristo.
Il ragazzo ha quindi creato una immagine digitale per fare il verso ai cartelloni bigottoni.
Diffidato dal continuare, si è rivolto all’Unione per le Libertà Civili, ottenendo un ottimo supporto.
L’Unione ha infatti sostenuto il diritto del giovane di affermare in maniera critica e creativa la propria opinione, in una materia nella quale ha profonde convinzioni.

Sul piano giuridico, Aclu denuncia l’emergere di una strategia ormai consolidata che consiste nel far pressione indebite sui blogger (e su quanti pubblicano in internet) invocando immaginifiche violazioni dei diritti d’autore. Al contrario, queste forme espressive ricevono un forte tutela, in quanto manifestazione del pensiero (e purchè un pensiero effettivamente esprimano…)